Mercoledì 7 marzo 2012

Alpe Salecchio superiore 1509 m.

Valle Anrigorio (VB)


Ritrovo partecipanti
Ore:
Direttore gita

Gruppo Senior

Dati della gita
Partenza:San Rocco di Premia 1619 m.
Durata:5h ad anello
Dislivello:770 m.
Difficolta':EAI
Attrezzatura:ciaspolata
Informazioni Meteo

Caratteristiche della gita

Escursione in ambienti innevati

Introduzione

Salendo la Valle Antigorio nessuno immagina che a sinistra, in alto ci siano degli abitati; invece la valle ha una terrazza naturale sospesa tra i 1300 e i 1500 metri, e su questa terrazza sono fioriti dal 1200 alcuni insediamenti Walser che, praticamente isolati dal resto del mondo, hanno mantenute vive per secoli la loro lingua e le loro tradizioni. Salecchio rimase autonomo fino al 1928, anno in cui dopo 700 anni, perse la sua autonomia e fu unito a Premia da un decreto fascista. La vita della comunità era molto dura, le coltivazioni scarse, segale, patate, lino e canapa, ma il paese era autosufficiente. Vendeva formaggi e qualche capra in cambio di sale e generi di prima necessità. Per risparmiare sul sale ci si approvvigionava d’acqua ad una fonte ricca di sali minerali e a Salecchio Superiore c’erano due mulini ed una segheria idraulica, in funzione fino al 1956, che è tuttora possibile vedere. La carne si mangiava solo la domenica, e il pane si cuoceva solo un paio di volte l’anno nel forno comunale. Ad un certo punto però le risorse locali non furono più in grado di sostenere i 120 abitanti dell’ 800, e iniziò una temporanea migrazione che, per il mutare delle condizioni di vita, divenne a poco a poco definitiva, finchè nel 1967 morì l’ultimo abitante che vi risiedeva in pianta stabile. Oggi, grazie ad alcune teleferiche, e ad una pista che raggiunge l’alpe Vova, molte case sono state ristrutturate e sono tornate alla bellezza di un tempo.

Percorso stradale

Dall’autostrada A 8 si passa alla A 26 per Gravellona Toce. Si prosegue sulla superstrada SS 33 del Sempione fino all’uscita di Crodo-Valle Antigorio- Valle Formazza . Si percorre la vallata fino a Premia località Passo (Km 23 SS 659). Usciti dall’abitato dopo ca. 500 m si vedrà sulla sinistra un cartello con l’indicazione Solecchio ed un rientro della sede stradale dove si potrà parcheggiare l’auto. Da Parabiago Km 137 ca.

Escursione

Si inizia a salire seguendo la strada per Solecchio inferiore giungendo ad una galleria che la si percorre con l’ausilio della torcia. Si prosegue per un altro breve tratto lungo la strada per poi entrare nel bosco. Superato un ponticello si arriva Solecchio Inferiore 1322 m. Si attraversa il villaggio Walser lasciandosi alle spalle la bella chiesetta. Ci si porta di nuovo sulla strada principale, per poi abbandonarla e seguire un sentiero che salendo nel bosco sulla sinistra ci porta a Solecchio Superiore. Superato un tratto in lieve pendenza ed uno successivo ripido, si arriva in prossimità di una cappella e quindi a Solecchio Superiore 1509 m. Dall’uscita dal villaggio ci si dirige verso il vecchio frantoio e poi per un lungo traverso fino a Cà Frantoli. Superato un primo tratto protetto dal bosco e dei successivi protetti da una solida barriera si giunge al villaggio Cà Frantoli 1555 m. Si riprende il cammino verso la cappella dell’Alpe e da qui s’ inizia a scendere affrontando un traverso e poi nel bosco seguendo la strada passando prima per la località Cangei e poi per Vova. Da qui percorrendo la strada di servizio si arriva a Chioso sulla statale della Valle Formazza e da lì in circa 2 km si arriva al parcheggio.

Cartografia

Compass 1:50.000 – foglio 89 – DOMODOSSOLA