Mercoledì 22 maggio 2013

Monte Pizzoccolo 1581 m.

prealpi Gardesane (BS)


Ritrovo partecipanti
Ore 6.30
Piazza Mercato
(Via Ugo Foscolo)
Con auto proprie
Direttore gita

Per informazioni rivolgersi in sede
Dati della gita
Partenza:Toscolano loc. Ortello m. 682
Durata:5h ad anello
Difficoltà:E
Attrezzatura:Da escursionismo
Dislivello:900
Esposizionesud-ovest
Informazioni Strada          Meteo

Caratteristiche della gita

Escursionistica

Introduzione

Il Monte Pizzoccolo è una bella e panoramica elevazione sopra la costa gardesana della provincia bresciana. Dalla sua cima si domina buona parte del lago di Garda, oltre che ad una superba vista verso la pianura e verso le cime delle Alpi. La sua posizione centrale nell’arco alpino permette di ammirare con un colpo d’occhio dal Monte Rosa alle dolomiti di Brenta. Il Pizzoccolo è così chiamato perché la sua forma ricorda uno zoccolo e la sua cima fu fortificata nel corso della prima guerra mondiale nell’eventualità di una invasione dell’esercito austriaco proveniente dalla Val Vestino. Lo stesso Giosuè Carducci nelle "Odi Barbare" scriveva: «...Il Gu sembra un titano per lei caduto in battaglia, supino e minaccevole..», riferendosi alla catena del Monte Baldo e del Monte Gu.

Percorso stradale

Uscita Brescia Ovest dell'autostrada A4. Si prosegue verso est lungo la Tangenziale Sud/SS11 e poi sulla SS45 bis/Gardesana Occidentale. Si lascia a destra la deviazione per Salò, e lungo la costa del Lago di Garda, si traversano Gardone Riviera e Fasano. A Toscolano si lascia prima del ponte all'inizio del paese la Statale Gardesana, si prende a sinistra per Vigole e Sanico, quindi avanti ancora, su strada più ripida e cementata fino al bivio situato in località Ortello dove si lascia l'auto.

Escursione

Da Ortello m. 682 si segue in salita la stradina con segnavia 6 e si raggiunge la chiesetta di S. Urbano 872 m, bivio segnavia 23 (25 min.). Per il ramo di destra, in salita, del segnavia 23 ci si alza sopra la chiesetta e a un successivo bivio (divieto di transito), si segue a sinistra una trattorabile. Si sale così a Ca da Prada 1117 m, con spartano bivacco sempre aperto (40 min.). Si seguita nel bosco, uscendone a quota 1230 circa sul crinale sud-ovest delle Prade, bivio per Pirello (20 min.). Si gira a destra e in salita, su terreno aperto, si superano dei casolari, oltre i quali si incrocia a quota 1352 la mulattiera di guerra con segnavia 5 proveniente dal Passo di Spino (15 min.). Per la mulattiera si sale ad assecondare a svolte le pieghe del monte. Già in vista della sommità, si perviene a quota 1469 al bivio con il sentiero 11 che si seguirà al ritorno (40 min.). Col segnavia 5 sul fianco sud del monte si traversa fino al Bivacco Due Aceri 1562 m (20 min.). In breve si è in vetta al Monte Pizzoccolo 1581 m: croce e grandioso panorama, chiesetta ai caduti di guerra e della montagna poco sotto (5 min.). Tornati al bivacco, si torna al bivio 11 (15 min.). Con quest'ultimo si scende a sinistra pervenendo alla Malga Valle 1331 m (15 min.). Si entra nel fitto bosco, si perde quota nella Valle della Prera fino ad immettersi su una stradina, a quota 1050 circa, presso un'area di sosta (35 min.). In discesa sulla stradina a tratti cementata si torna al punto di partenza (40 min.).