Mercoledì 19 giugno 2013

Monti Gradiccioli e Tamaro

Lugano (CH)


Ritrovo partecipanti
Ore 6.30
Piazza Mercato
(Via Ugo Foscolo)
Con auto proprie
Direttore gita

Per informazioni rivolgersi in sede
Dati della gita
Partenza:Monti di Idacca 1201 m.
Durata:6h a/r
Difficoltà:E-EE (breve tratto)
Attrezzatura:Da escursionismo
Dislivello:1000 m.
Esposizionevarie
Informazioni Strada          Meteo

Caratteristiche della gita

Escursionistica

Introduzione

Il Monte Gradiccioli è una montagna delle Prealpi Luganesi alta 1.936 m s.l.m.. I suoi versanti scendono su tre vallate: a sud verso ilMalcantone, a est verso la Valle del Vedeggio e a ovest verso la Val Veddasca. A nord invece si congiunge alla vetta del Monte Tamaro che lo sovrasta di qualche metro.
Il Monte Tamaro (1.961 m s.l.m.) si trova nelle Prealpi Luganesi, nel Canton Ticino. Si erge a sud-ovest del Passo del Monte Ceneri e divide con il passo e altri monti il Canton Ticino inSopraceneri e Sottoceneri. Una funivia collega Rivera (Svizzera) paese posto ai suoi piedi con l'Alpe Foppa posto a 1567 m In passato fu anche una stazione sciistica. Negli anni novanta, venne costruita all'alpe Foppa, su progetto di Mario Botta, la Cappella di Santa Maria degli Angeli, con all'interno pitture di Enzo Cucchi. Altre opere d'arte di natura scultorea sono laMadonna del Tamaro di Antonio Danzi, Il guardiano del tempio di Luca Marcionelli e Suspended Cubedi Jaya Schürch[1]. Presso la sommità imponenti antenne sono state poste dalla Swisscom per collegare telematicamente il cantone con il resto della Svizzera.
IMPORTANTE : essere muniti di passaporto o carta d’identità valida per l’espatrio

Percorso stradale

Imboccare a Legnano autostrada A8 per Varese ed uscire a Buguggiate.Scendere al lago di Varese e proseguire sino a Gavirate indi seguire le indicazioni per Luino.Raggiunto Luino proseguire sino a Maccagno e da lì, voltando a destra, percorrere tutta la Val Veddasca.Dopo Biegno si passa la frontiera e si entra in Svizzera proseguendo sino a Monti di Idacca dove di parcheggia.Km. 95

Escursione

Lasciata la macchina sul tornante dei Monti di Idacca ci si incammina sul sentiero in direzione dell’Alpe Montoia, si entra nel bosco e, dopo qualche saliscendi si arriva al bivio per i monti Sciaga.Si prende a sinistra e si comincia a guadagnar quota.Dopo aver superato alcune vallette, si esce dal bosco e, tra pascoli, si arriva all’Alpe Montoia.Si prosegue in direzione del Lema e si raggiunge il bivio di Pianoni.Si prende la cresta erbosa che in breve arriva sulla vetta del Gradiccioli.Si scende in direzione opposta per un ripido tratto che porta alla Bassa di Montoia.Si prosegue sulla cresta e dopo una breve risalita si scende alla Bassa di Indemini, si risale su un ripido sentiero che porta alla croce sulla vetta del Tamaro.Si scende in direzione opposta sul ripido tratto che si immette sul sentiero Neggia-Rifugio Tamaro.Si scende poi all’Alpe Foppa, si visita la Cappella di Santa Maria degli Angeli e poi si ritorna al rifugio Tamaro e all’Alpe Neggia e, per sentiero due tornanti sotto, a Monti di Idacca dove sono le auto.

Cartografia

Swisstopo foglio 286 Malcantone