22 e 23 giugno 2013

Giro del Catinaccio

Dolomiti (TN)


Ritrovo partecipanti
partenza h 6.00
Piazza Mercato
(Via Ugo Foscolo)
Con auto proprie
Direttore gita

Commissione escursionismo
cell. 3409434511
Dati della gita
Partenza:Rif. Paolina m.2125 (BZ)
Durata:5h
Difficoltà:E-EEA la ferrata
Attrezzatura:escursionisti
Dislivello:600 m.
Informazioni Strada          Meteo

Caratteristiche della gita

Fine settimana di trekking e ferrate per tutti

Introduzione

Il Catinaccio è uno dei Gruppi Dolomitici più frequentati grazie alle sue numerose e facili vie d’accesso e a ferrate alla portata di tutti: neofiti ed esperti! Situato a cavallo tra la Val di Fassa, la Val d’Ega e l’Altopiano di Siusi, noi partiremo dal passo di Costalunga per un entusiasmante giro ad anello di due giorni pernottando al famoso rifugio Vajolet m.2243!

Percorso auto

Da Parabiago si prende l’autostrada A4 in direzione di Venezia, uscire al casello di Peschiera del Garda. Dopo di che imboccare la superstrada per Affi ed entrare sulla A22 in direzione Brennero e uscire al casello di Bolzano nord. Percorrere la strada statale ss241 e raggiungere il passo di Costalunga m.1753. Poco prima del passo si parcheggia in corrispondenza della stazione della seggiovia paolina, impianto che ci porterà a m.2125 dell’omonimo rifugio. Totale circa Km.325 ore 4.00.

Escursione

Lasciata l’auto si prende la seggiovia paolina e una volta scesi a m.2125 si inizia l’escursione seguendo il sentiero per il rifugio A.Fronza, posto su un panoramico terrazzo a m.2337 sul versante ovest del Catinaccio. Dopo la pausa pranzo riprendiamo il cammino salendo al passo delle “Coronelle” a m.2630, poi scendiamo sul versante est e raggiungiamo il rifugio Vajolet dopo 3 ore circa. Mentre chi vuole cimentarsi in ferrata sale al passo Santner m.2734 per l’omonima via attrezzata e raggiungere il rifugio al passo, grandioso panorama sulle cime dolomitiche a 360°, meritata ricompensa! La discesa sarà verso il rifugio Re Alberto m.2627, ai piedi delle Torri del Vajolet, e poi prosegue fino al rifugio Vajolet m.2243 (ore 4) dove pernotteremo. Il giorno dopo partiamo di buon ora per raggiungere il rifugio Roda di Vael m.2883 in ore 2.30, attraverso il passo delle “Cigolade” m.2554 passando sotto la caratteristica parete gialla del Catinaccio. Una volta qui si potrà scegliere diversi itinerari, dall'impegnativa ferrata “Masarè” a quella facile alla cima della Roda di Vael, gli escursionisti potranno raggiugere il rifugio Ciampedie m.2000 per il “Vial delle Feide” e ritornare per l'alta via fassana. Al termine dal rifugio Roda di Vael in mezz'ora si arriva al rifugio Paolina per chiudere l'anello e scendere alle auto con la seggiovia.

Cartografia

Catinaccio-Latemar, Kompass 629 scala 1: 25.000

Iscrizione

Quota di partecipazione CAI Parabiago: Soci - 50.00 Non soci - 75.00
Comprende: mezza pensione rifugio + a/r seggiovia, per i non soci + ass. infortuni e Soccorso Alpino
Iscrizione in sede previo versamento caparra - 25.00 entro martedi 18/6 - Posti Limitati!

Note

CAUSA NEVE, LA POSSIBILITA' DI EFFETUARE LE VIE FERRATE, SARA' VALUTATA SOLO AL MOMENTO IN LOCO E IN BASE ALLE CONDIZIONI METEO