17/06/2018

Anello del Lago Panelatte

Val Vigezzo (VB)


Ritrovo partecipanti
Ore:6.30
Parabiago via san michele 91
Con auto proprie
Direttore gita

Alessandra Scolaro

3381204827 axina12@gmail.com
Dati della gita
Partenza:Località Arvogno, 28858 Toceno VB, Italia
Durata:6 h30'
Dislivello:1050 m.
Sviluppo:12,5 km
Difficolta':E - escursionistica
Attrezzatura:Da escursionismo
Informazioni

Caratteristiche

Lungo e panoramico giro ad anello adatto ad escursionisti allenati.

Introduzione

Il Lago Panelatte è un piccolo lago di origine glaciale in parte ricoperto da eriofori che si trova alla base degli sfasciumi che coprono le pendici del Pizzo del Corno. Questo nome deriva forse dall’abitudine degli alpigiani di fare una sosta e consumare un breve pasto durante i lunghi trasferimenti del bestiame. Siamo in valle Vigezzo, su uno degli itinerari considerati tra i più belli delle valli dell'Ossola. Il paesaggio è davvero unico e meraviglioso, con l'inconfondibile forma della Pioda di Crana che ci accompagna per buona parte del percorso di salita, su un lunghissimo sentiero scalinato costruito a piode in epoche remote per facilitare la salita e discesa di uomini e animali ai numerosi alpeggi presenti in tutta la vallata.

Percorso stradale

Da Parabiago si raggiunge l'autostrada A8/E62 per Gravellona Toce, proseguendo poi su SS33 fino a Domodossola. All'uscita Masera si prende la SS337 della Val Vigezzo fino a S.Maria Maggiore, dove si prosegue per Toceno, fino a raggiungere la Località Arvogno. Parcheggi limitati a fine strada.

Escursione

Dal parcheggio di Arvogno (1250 m) si segue in leggera discesa la strada asfaltata fino al ponte sul Melezzo, oltre il quale si prosegue lungo la mulattiera che si stacca a destra subito dopo il ponte e che incontra nuovamente la strada più in alto. Si prosegue in falsopiano lungo la sterrata fino ad un altro ponte, sul Rio Verzasco, poi si segue la mulattiera che passa accanto alle baite dell’Alpe Verzasco (1393 m) e in leggera discesa entra nel bosco, per poi riprendere a salire con regolarità. Passati un paio di canaloni si raggiunge l’alpeggio abbandonato di Villasco (1644 m) dove è presente una fontana. Oltre l’alpeggio la mulattiera prosegue nel bosco di abeti, passa accanto ad una presa dell’acquedotto e poco più a monte ad un’altra fontana, prima di giungere all’Alpe I Motti (1844 m). A fianco delle robuste stalle la mulattiera, formata da gradoni realizzati con grosse lastre in pietra locale, continua a salire con diversi tornanti fino a raggiungere la Cappella di San Pantaleone (1992 m), situata poco prima del Passo di Fontanalba. Dalla Cappella si continua a salire in direzione Ovest-Nord-Ovest seguendo un evidente sentiero che conduce alla conca del Lago Panelatte (2062 m, 2h30'-3h). Raggiungeremo eventualmente anche la Forcola di Larecchio (2146 m) per ampliare lo sguardo verso orizzonti più estesi, per poi tornare sui nostri passi fino alla Cappella, dove comincia la seconda parte della nostra escursione. Da qui infatti una lunga traversata in costa ci porterà prima alla Bocchetta di Ruggia (1992 m), dove cambieremo versante, e poi alla bocchetta di Muino (1974 m). Da qui finalmente la lunga discesa in mezzo ai rododendri in fiore, che ci porterà in altre 2h circa ad Arvogno lungo la valle del Melezzo.

Note

Quota di partecipazione: Soci : 1.00 Non soci : 10